News

Quando l’opportunità digitale dell’impresa corrisponde a quella reale? Cosa fare per aumentare lo scontrino?

News_e-scontrino_DataNet

Cosa fare per aumentare lo scontrino?

Cari amici imprenditori, lo abbiamo detto e lo ripeteremo ancora tante volte senza preamboli e in maniera diretta: per ottenere prospettive di continuo miglioramento nel commercio attuale, bisogna porsi differentemente e migliorare i servizi digitali – Il prodotto che vendete è una conseguenza!

La realtà è questa anche per i negozi di prossimità, che senza alcun servizio digitale di supporto, oggi hanno difficoltà a vendere pure al loro classico cliente, quello che vive dietro l’angolo. 

Vi state chiedendo quali siano i servizi digitali di cui stiamo parlando? Ebbene, durante la nostra lunga esperienza accanto alle tante aziende siciliane, S4U DataNet ha capito e sperimentato che per individuare e creare i servizi digitali più adatti è necessario, innanzitutto, comprendere i comportamenti del cliente e l’evoluzione di essi.

Dalla teoria alla pratica – Vediamo cosa può succedere.

quando il cliente è online: questo si aspetta di trovare chiarezza, assistenza alla vendita, che sia in chat o in altre forme, facilità di interazione con il negozio per chiedere supporto o ricevere consigli, e così a seguire tanti altri strumenti e servizi che online ogni azienda deve offrire. Un buon supporto Marketing al nostro negoziante, aiuta a seguire e comprendere il cliente nelle sue esigenze online e permette di costruire le giuste strategie nell’offerta dei servizi digitali più congeniali.

quando il cliente è offline: questo ha già superato il momento online, che si chiude – anche psicologicamente – con la possibile consegna dell’ordine ma probabilmente è arrivato al punto vendita (offline) dopo aver vissuto la sua esperienza digitale. Certamente ad attrarre il cliente in negozio avrà contribuito ciò che questo ha vissuto mentre era al computer o davanti al cellulare, e tutto grazie al fatto che l’azienda ha adottato o adotterà servizi digitali adeguati. Ma certamente, la possibile chiarezza sulla restituzione della merce, così come il servizio “scegli online e ritira il pacco pronto al banco”, sarà servito ad attrarre quei target di persone che sono ormai un tutt’uno con i nuovi modelli di vendita più attuali e che sempre vorranno avere un contatto finale al punto vendita. 

Questa è solo la base con cui mappare i momenti topici dell’acquisto.
Ogni commerciante/rivenditore deve sapere cosa cogliere e definire, ma non c’è dubbio che noi, bravi consulenti, sappiamo come registrarli con perizia e come formulare strategie e indicare al nostro imprenditore, la strada più redditizia da percorrere. 

Occhio all’umano digitale!

Arrivati a questo punto, risulta chiaro che il focus sul quale ogni azienda deve mantenere alta l’attenzione è la Persona (sia essa online, offline ma comunque “digitale”). Come abbiamo letto in una delle ricerche che costantemente consultiamo:

L’umano digitale è spietato, prima sembra ammaliato dal content di Instagram, poi ci tradisce con il concorrente low cost. Sappiamo che la quantità di offerte e le azioni di coinvolgimento che troviamo su tutti i fronti dell’online, oggi portano il consumatore ad andare con il primo negozio che gli capita.

Ma  perchè ci lamentiamo quando quel primo che capita non siamo noi?
Ovviamente, il competitors più diretto ha organizzato, meglio di noi, il modello commerciale più adeguato.

Ma come? Ti abbiamo fidelizzato, servito, il tuo engagement era altissimo, e poi ci lasci così senza nemmeno un clic?” 

Per il marketing e per le dinamiche di oggi, sul digitale non esiste la gratitudine del cliente, né la fiducia, men che meno la fedeltàAnche se in altre circostanze lo abbiamo sostenuto, bisogna fare attenzione anche alle altre variabili su cui i nostri potenziali acquirenti basano le loro scelte.

Possiamo dirvi che per gli utenti del web la variabile più importante si chiama “opportunità”. Le persone, o meglio, gli “umani digitali” non acquistano più qualcosa perché attratti dallo “scopo” o dal “perché” di un’azienda, di un brand, di un negozio. Le persone, sempre più, si preoccupano principalmente del proprio scopo e del proprio perchè. Cercano la loro opportunità.

Ed ecco che ritorniamo alla centralità della persona – i servizi digitali da offrire, le strategie di marketing da adottare, i contenuti da realizzare, che devono rappresentare un irrinunciabile opportunità per il mercato e per il pubblico che si vuole conquistare. Prima loro, poi voi.

Se volete essere sempre un passo avanti e conoscere i modelli di business più nuovi e interessanti, compilate il form che trovate qui a seguire e riceverete, gratuitamente e senza impegno, altre nuove informazioni.

 

Altre News


Come si è trasformato il marketing? A quali prospettive di “valore” bisogna puntare?

La storia del mercato internazionale ci dice che, nella struttura stessa del mercato, il consumatore con le sue esigenze, le sue scelte e la sua volontà è sempre più protagonista. Le tendenze del marketing moderno ne sono testimonianze.

Quali variabili del valore riusciamo a controllare tramite il marketing?

Quello del “Marketing Mix delle 4P”, pur non tenendo conto della complessità dei mercati, è per le aziende la teoria più semplice da seguire e da attuare, ed è quella che consente di raggiungere obiettivi tangibili nel minor tempo. Seguiteci nell’analisi.

“Creare valore” a misura del cliente aumenta il fatturato delle vostre attività.

Per cominciare bene il percorso, un’azienda deve, prima di tutto, mettersi nei panni del cliente e capire a fondo come esso percepisce il valore della vostra offerta, tale che possiate dire di avere superato la fase di identificazione.