News

Il Commercio di Quartiere salverà l’economia della città in Sicilia se va online

Quartiere

Le ultime nostre news (qui e qui) hanno martellato sulle notizie che arrivano dal mondo da parte dei grandi brand di catene di negozi che, qualcuno a causa, molti per strategia oramai matura, hanno iniziato a comunicare una riorganizzazione dei punti vendita ed, soprattutto per noi qui in Sicilia, una determinante integrazione tra servizi offline (esempio: vendita, assistenza alla cassa, moneta elettronica, carte fedeltà, etc) e servizi online (esempio: catalogo digitale su whatsapp, metti nel carrello, compra e paga da casa e ritira in sede, etc).

Adesso è arrivato il momento di dirlo più chiaramente: cosa significa questo per il negozio di abbigliamento uomo di Agrigento? oppure per la vendita di prodotti da giardino di Vallelunga? oppure ancora per il negozio di belle arti, pittura, disegno, di Bagheria?

Non tutti sanno che esiste una sezione di Think Google  in cui è possibile trovare le Categorie Retail in Crescita momento per momento, su base settimanale, mensile ed annuale. Facciamo un esempio, stiamo verificando adesso Mercoledì 8 Giugno alle ore 17:45 ed al 6° posto della tendenza settimanale c’è la categoria “Spazzolini” con al primo posto della tendenza la ricerca “oral b” ed al secondo posto “oral b pro 2“.

Ovviamente se il nostro “negozio di quartiere” nella sua presenza online ha marcato questa categoria ed ha inserito questi due prodotti come quelli più evidenti (in termini di SEO ovviamente) avrà una visibilità maggiore nel caso in cui un cittadino di Piazza Armerina, con poca voglia di andare in giro a cercare, vuole comprare lo “spazzolino oral b pro 2” che il suo dentista di fiducia gli ha consigliato.

Qui entrano in gioco diverse cose, lo sappiamo, tecniche SEO, localizzazione ottimizzata, schede prodotto leggibili dai motori di ricerca, solo per fare alcuni esempi. Ma soprattutto entra in gioco una chiara “strategia commerciale” che è quella di essere online per vendere offline.

Questo è il punto! il negozio di quartiere, ha la sua ragione di esistere nel quartiere. La sua vetrina da nella strada principale, il suo nome è scritto nell’insegna in alto l’ingresso, la fermata dell’autobus è proprio di fronte; perchè deve essere online (sul web)? La nostra risposta è deve esserci a patto e condizione che questa sua presenza principalmente porti maggiori presenze nel negozio. Col tempo e solo quando si sente pronto, può attivare una serie di interruttori che aggiungo servizi digitali tra cui uno potrebbe anche essere quello di “acquista dal sito“.

Viene fuori il vero segreto del nostro modello “eCommerce di Quartiere” che si fonda sulla piattaforma SynApp. Cioè a dire, è un e-commerce classico, con carrello e spedizione, ma è soprattutto una strategia che porta clienti in negozio, al banco, nella tua sede. Li porta perchè permette di stare sempre accanto al cliente, sul suo smartphone, senza essere invasivo e di entrare in azione, quando e dove lui stesso desidera: sul divano la sera? dentro il treno al ritorno dall’ufficio? Si proprio cosi.

Altre News


Nella trasformazione digitale, la persona è al centro del modello di business

Se ci riferiamo alle persone in quanto clienti, dobbiamo sottolineare che, anche a causa della pandemia, ma certamente per via della grande offerta presente nel mercato, siamo nuovamente tornati ad apprezzare il rapporto duraturo con lo stesso fornitore. Una nuova fidelizzazione.

Tenetevi pronti: c’è una nuova fisionomia dello shopping di prossimità e una nuova generazione di clienti da conquistare.

A livello generale emerge che il cambio nei comportamenti dello shopping ha toccato il mondo del retail in modo diverso, anche se, in tutti i settori, si fanno largo sempre di più i percorsi multicanale. Seguiteci nell’analisi

Buone notizie! Sappiamo qual è il modello di marketing vincente digitale.

Il marketing tradizionale genera parte di traffico verso il negozio, ma non porta nulla dal canale digitale. Al contrario, invece, il marketing digitale genera traffico sia verso il canale online, quindi anche la vendita e-commerce, e sia verso il canale offline, quindi la vendita in negozio. Seguiteci nell’analisi.