News

Come si è trasformato il marketing? A quali prospettive di “valore” bisogna puntare?

S4UDataNet_marketing

A quali prospettive di “valore” bisogna puntare?

Cari amici imprenditori, come preannunciato nello scorso articolo, continuiamo a parlarvi del valore che un marketing digitale fatto bene riesce a trasferire alle vostre aziende. A supporto delle nostre convinzioni c’è la storia del mercato internazionale dell’ultimo ventennio che, tra crisi economico-finanziarie e in ultimo la crisi pandemica mondiale, ha visto i sistemi industrializzati trasformarsi ed evolversi radicalmente, coinvolgendo in maniera esponenziale, nella struttura stessa del mercato, il consumatore con le sue esigenze, le sue scelte e la sua volontà.

Il marketing e i suoi fratelli 

L’ultima grande trasformazione del mercato (ancora in corso), corrispondente al vasto e profondo mutamento dei fattori economici, sociali, culturali (in primis la maggior consapevolezza dei consumatori) e sempre più pregnante quella tecnologica che ovviamente influisce sulle strategie e l’operatività del business.

In questo nuovo contesto, l’orientamento del marketing secondo cui l’obiettivo è garantire all’impresa un profitto attraverso la soddisfazione del singolo consumatore non vale più. Per costruire il “giusto valore” ad un prodotto o ad un servizio, il marketing nel corso degli ultimi anni si è creato il proprio spazio nella fluidità della società, modificando alcuni punti focali. 

Bene, per chiudere questo nostro Giugno dedicato alla “creazione del valore”, vi proponiamo un breve elenco di alcune “tendenze del marketing moderno” che noi di S4U DataNet abbiamo sperimentato con successo insieme a diverse nostre aziende-partner.  

Il marketing esperenziale 

Questo filone del marketing si basa sul cambiamento di approccio all’acquisto che i consumatori di oggi hanno sviluppato: essi, infatti, nelle offerte di mercato cercano sempre di più significato, senso e conoscenza. Per la creazione del valore, il marketing esperienziale invita le aziende a non puntare sulle funzioni d’uso dei prodotti e dei servizi ma, appunto, sulle esperienze positive che i prodotti e i servizi potranno produrre all’utente.

Il co-marketing 

È quella strategia di marketing in cui il consumatore è un soggetto attivo nella relazione con l’impresa, quasi un co-maker. Con il massiccio avvento dei social network, infatti, spesso si è parlato di User Generated Content (contenuto generato dagli utenti) e crowdsourcing (sviluppo collettivo di un progetto), per descrivere situazioni sempre più frequenti con il crescere dei nativi digitali, i quali hanno tanti strumenti a loro disposizione e vogliono agire da pari a pari con le aziende, in una visione del marketing che ponga al centro le persone e le relazioni.

Il marketing tribale

Famiglia, classe sociale, stile di vita, hanno sempre giocato un ruolo nelle strategie del marketing. Oggi, però, le persone spesso si incontrano online ma anche offline per condividere e “celebrare” gli stessi valori, passioni, gusti e consumare gli stessi prodotti, riproducendo una dinamica sociale simile a quella di una tribù che si ritrova davanti al fuoco posto al centro dell’accampamento. Basti pensare, ad esempio, agli appassionati di Harley Davidson, la comunità della Ducati, ma anche la vecchia TIM Tribù che uniscono persone tanto diverse tra di loro. 

Il marketing multicanale

Questa tipologia di marketing consiste nell’integrare tra loro ambienti digitali e fisici, lasciando ai consumatori la scelta della modalità desiderata per accedere all’offerta. Ad esempio, un prodotto visto e confrontato con altri nel canale Internet può essere poi acquistato dal cliente in un punto vendita fisico o viceversa. 

Cari amici, ci fermiamo qui perché i tanti cambiamenti intervenuti in questi ultimi periodi hanno generato nuove strategie che surclassano l’ordinario modo di fare Marketing. Ancora oggi, tanti settori di mercato e aziende (piccola o grande, globale o locale) prediligono una particolare tipologia di marketing ma solo l’applicazione della giusta strategia, quella in grado di creare il “giusto valore”, è quella che aumenta concretamente il fatturato delle vostre aziende. 

Se è vostro interesse approfondire l’argomento e scoprire quale sia la tipologia di marketing contemporaneo adatta alla vostra azienda, dovete semplicemente compilare il form che trovate qui a seguire e, gratuitamente e senza impegno, riceverete le altre informazioni a voi più utili.

 

Altre News


Nella trasformazione digitale, la persona è al centro del modello di business

Se ci riferiamo alle persone in quanto clienti, dobbiamo sottolineare che, anche a causa della pandemia, ma certamente per via della grande offerta presente nel mercato, siamo nuovamente tornati ad apprezzare il rapporto duraturo con lo stesso fornitore. Una nuova fidelizzazione.

Tenetevi pronti: c’è una nuova fisionomia dello shopping di prossimità e una nuova generazione di clienti da conquistare.

A livello generale emerge che il cambio nei comportamenti dello shopping ha toccato il mondo del retail in modo diverso, anche se, in tutti i settori, si fanno largo sempre di più i percorsi multicanale. Seguiteci nell’analisi

Buone notizie! Sappiamo qual è il modello di marketing vincente digitale.

Il marketing tradizionale genera parte di traffico verso il negozio, ma non porta nulla dal canale digitale. Al contrario, invece, il marketing digitale genera traffico sia verso il canale online, quindi anche la vendita e-commerce, e sia verso il canale offline, quindi la vendita in negozio. Seguiteci nell’analisi.